Iscriviti /  Login /  Forum /  Cerca /  FAQ

Indice » Sine Requie Anno XIII » Prodotti editoriali




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
 
Autore Messaggio
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 14:52 
Non connesso

Iscritto il: 18 apr 2011, 11:49
Messaggi: 296
...è una FIGATA CLAMOROSA!!!
Davvero molto molto molto molto molto ben fatto.

Magari col tempo argomenterò, per adesso niente da aggiungere.
Altri commenti?


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 15:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 23 gen 2014, 07:55
Messaggi: 516
Io ero assente giustificato: sono a casa malato.

_________________
Make Make da 150 il miglior materiale per gdr gratuito


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 16:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 01 nov 2013, 16:01
Messaggi: 28
Località: Roma
Matteo ha scritto:
...è una FIGATA CLAMOROSA!!!
Davvero molto molto molto molto molto ben fatto.

Magari col tempo argomenterò, per adesso niente da aggiungere.
Altri commenti?

Condivido in pieno! Ottimo manuale! A breve scriverò le mie impressioni in maniera più dettagliata, adesso devo ancora metabolizzare il tutto (ho appena finito di leggere) :mrgreen:


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 16:27 
Non connesso

Iscritto il: 15 apr 2008, 14:02
Messaggi: 95
Località: Arce(FR)
Io sto finendo di leggere, finora mi sembra un manuale epico!

_________________
Davide Marcoccio


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 16:31 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 12 nov 2005, 18:42
Messaggi: 2496
Località: Firenze, Pisa, Livorno...
Grazie
Immagine

_________________
non è vero che morirete - disse il serpente


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 19:13 
Non connesso

Iscritto il: 25 gen 2010, 12:54
Messaggi: 688
neanche iniziato, prima o poi leggerò (perchè devo lavorare?)


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 21:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 01 nov 2013, 16:01
Messaggi: 28
Località: Roma
Anzitutto vorrei ringraziare Leo e Curte, con cui ho avuto il piacere di fare di nuovo una bella chiacchierata allo stand. Sono saltati fuori curiosi casi di omonimia quest'anno :mrgreen:

Comunque, eccovi la mia "recensione" (tra virgolette perché è molto soggettiva e ho letto il manuale abbastanza di fretta nelle poche pause che il lucca comics mi ha concesso questi giorni). Farò due post: uno generico e un altro pieno di SPOILER.

La domanda che vi state ponendo ora è sicuramente "ma sarà figo il Giappone?" e la risposta per me è SI.
Di carne al fuoco ce n'è tanta (e non parlo di morti messi su una pira :wink:) sia per quanto riguarda delle nostre vecchie conoscenze dagli altri manuali (con relativi nuovi indizi sul metaplot) sia per i nuovi interessantissimi personaggi e luoghi da incubo. Di materiale per costruire le proprie avventure ce n'è a bizzeffe anche grazie a tutte le particolarità della società e della cultura giapponese (basti pensare al sistema delle caste, al bushido e più in generale al concetto di Onore, prezioso ancor più della propria vita).
Come i nipponici spiegano quello che è avvenuto dal D-day in poi è l'argomento che mi ha appasionato di più. È stato sorprendente leggere le spiegazioni del buddismo\shintoismo al fenomeno del risveglio e come i differenti tipi di Morti siano considerati dal popolo giapponese. Inoltre, senza fare spoiler, questo manuale amplia (secondo me) di molto il filone sulle Presenze che ho sempre personalmente trovato messe "in secondo piano" rispetto a Morti, Mostri genetici, Biomacchine e Burattini (nel manuale troverete anche questi ultimi, tranquilli)
A completare il tutto c'è un utilissimo glossario (mi sono ritrovato a consultarlo parecchie volte) e le note di regolamento per personaggi, professioni, armi, armature e arti marziali. Purtroppo questa è una parte che non ho ancora letto completamente per la fretta di questi giorni e non posso ancora dare giudizi.
Riguardo ai difetti non trovo nulla di eclatante, solo un paio di cose mi lasciano perplesso (forse anche per la fretta con cui ho letto, ma ve le scriverò nel prossimo post spoileroso, sono cose troppo specifiche).
Nella mia personale classifica questo manuale non supera U.S.A. (finora nella mia top 4 con Sanctum, Reich e Terre Perdute) ma è comunque un prodotto ottimo in pieno stile Sine Requie. Stra-consigliato! :)


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 21:49 
Non connesso

Iscritto il: 30 nov 2008, 12:25
Messaggi: 610
Località: Friuli Venezia Giulia
Tra la pila di fumetti che devo leggere e il lavoro sono riuscito a leggere solo le prime 10 pagine o giù di lì, al momento :oops:
Conto di recuperare quanto prima!


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 03 nov 2014, 22:15 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 01 nov 2013, 16:01
Messaggi: 28
Località: Roma
Passiamo alla parte IPERSPOILEROSA con le mie considerazioni, dubbi e quelle che considero delle "chicche" :wink:

(Ho coperto gli spoiler con caratteri colorati di bianco, non ricordo se è la maniera giusta su questo forum, in caso vi prego di correggermi)

- Si parte subito in quarta con visioni di "un drago" nel cielo del 6 Giugno '44, in piena linea con il "tema del serpente" degli altri manuali e la Morte Incarnata, che ora sappiamo essere originaria della Manciuria occupata. Cosa la spinga a viaggiare per le Terre Perdute con i suoi animali risvegliati è ancora un mistero, ma se non ricordo male è abbastanza chiaro che si dirige a gran velocità verso il Reich (more of that later!)

-L'interpretazione Shintoista del Risveglio in particolar modo il concetto dei Kami che possono avvicinarsi al Reikon, di fatto "convivendo" nel corpo di un Immortale o di rari e particolari viventi mi ha ricordato molto la storia del Diabolicus piromante nel Tomo dei Morti II, che diceva di sentire la voce del Demone che conviveva con lui nel suo corpo morto. Potrebbe essere solo una coincidenza oppure lo stesso fenomeno visto e descritto da due culture molto differenti. In ogni caso è un punto davvero interessante.

- Il dado è tratto. E mentre le pedine (anzi le carte) vengono mosse come già credevamo di sapere, in questo manuale si scoprono inquietanti retroscena che gettano una nuova luce sul alcuni eventi chiave...
Prima bomba: la Kusanagi trasuda "oggetto del Potere" da ogni poro e mi sembra ci siano pochi dubbi su questo... il che ci porta subito alla seconda bomba: Fremmen. Il Demonio visto dal capo dello "Spillo" non può essere altri che lui. Come sospettavo Reichmann è a sua volta (inconsciamente) manipolato. Quindi se ne dovrebbe dedurre che Excalibur è una scusa per togliere una "figura" chiave dai territori del Reich (dove ricordiamolo, sono diretti Il Matto e La Morte Incarnata) Riguardo a questo mi viene una domanda: è forse il potere della Kusanagi a facilitare il risveglio come Inscius? Se così fosse, cos'è allora che genera tutti quei Ferox in Inghilterra?

- Realtà e leggenda si mescolano letteralmente. L'impressione che ho avuto è che il Giappone sia un luogo dove la nostra "Realtà" risulta ancora più labile e intersecata da altre. Che siano Finestre (con fiumi di sangue che scorrono al contrario) o Presenze (che scopriamo essere nutrite dal subconscio e dal senso di colpa) il Paese del Sol Levante sembra essere il più "collegato" ad altri piani per non parlare poi del racconto nelle ultime pagine del manuale. Se ero rimasto colpito e confuso dal finale di USA questo è ancora più allucinante e disturbante (quindi lo adoro). Tuttavia le uniche cose che penso di aver capito è che le figure mostruose viste dal soldato dello Shogun siano altri personaggi che agiranno nel futuro, nel finale di tutto Sine Requie (Ad esempio il cavaliere bianco e il demonio divorato dai bambini mi ricordano rispettivamente Limbo (e infatti si menziona anche una falce) e Barber. Per il resto il mio cervello è andato in tilt. Davvero, mi ha messo in crisi :shock:

-Sempre riguardo a Barber. Sembra che casualmente i Torii corrispondano almeno in parte alle "arcane geometrie" di La Foudre, visto anche l'ultimo racconto menzionato prima...

E per concludere un paio di domande stupide:

- Ho capito male io o alla fine di questo benedetto Imperatore non sappiamo niente di niente? Sono abbastanza spiazzato. Dal titolo del manuale mi aspettavo almeno un capitoletto riguardo all'Imperatore e al suo Trono, su chi sia veramente e quali sono i suoi scopi... oppure per la fretta di leggere ho capito male e esiste solo lo Shogun della Morte? Mi sembra abbastanza improbabile però che questo Generale-scienziato pazzoide ormai sempre più distaccato dalla realtà possa mandare avanti una nazione intera semplicemente spacciandosi per Imperatore.

- Me lo sono immaginato oppure L'Amico Pescatore è Sampei? XD


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 04 nov 2014, 14:26 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24 feb 2012, 19:32
Messaggi: 291
io mi sono toccato il collo e ho trovato il dardo del ninja... quindi il manuale che ho in mano è davvero Molise anno XIII?


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 04 nov 2014, 14:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 24 feb 2012, 19:32
Messaggi: 291
p.s. manca anche qui la mappa del giappone...ehm, del molise...


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 04 nov 2014, 21:57 
Non connesso

Iscritto il: 06 apr 2012, 12:45
Messaggi: 143
PER CHI NON VOLESSE SPOILER SALTATE AL VOLO TUTTO IL POST

Opinioni altrettanto personali.
Prima di tutto: perché quando ho detto entusiasta al Leo e Curte "alla fine avete deciso di farlo il Giappone!" loro mi hanno risposto: "No, noi non abbiamo mica fatto il manuale del Giappone..." Boh, forse volevano spiazzarmi, forse semplicemente dopo tanti anni che sostenevano di non volere fare il manuale del Sol Levante erano imbarazzati e volevano evitare discussioni prolungate (sembravano anche abbastanza indaffarati).

Comunque, alla fine come volevasi dimostrare sono riusciti a evitare i robottoni giganti e a fare qualcosa di comunque molto apprezzabile. Sono rimasto molto compiaciuto del fatto che il Giappone "ufficiale" di Sine Requie abbia molti elementi in comune col Giappone che mi ero immaginato io e che avevo iniziato a scribacchiare per le mie campagne.

Prima di tutto il numero maggiore di Inscius e Diabolicus rispetto ad altrove è una cosa che avevo pensato pure io per la mia ambientazione. Non so di preciso perché, un po' perché i nipponici hanno tutta una ritualità legata alla morte e un po' perché sono molto determinati e me li immagino che rimangono identici a se stessi anche dopo la morte. Come già fatto notare da altri probabilmente il motivo ha a che fare con la Kusanagi (mentre il particolare "risveglio" in UK potrebbe essere legato alla presenza sul suolo di Excalibur). Ah, Kusanagi era un oggetto di potere anche per me...anche gli altri 2 tesori sacri, di fatto! Inutile dire che ho apprezzato un sacco...unico appunto (parliamo sempre di opinioni del tutto personali), avrei gradito una tabella specifica per il Risveglio nel Giappone (un po' come ce n'è una per il Risveglio nelle Terre Perdute Britanniche), ma provvederò a farmela da solo.

Secondo punto a me caro: la notevole influenza delle Presenze. Gli Yokai e gli spettri sono un elemento fondamentale dell'horror giapponese ed era importante per questo renderli parte integrante del Sol Levante. Trovo che gli autori abbiano fatto un ottimo lavoro, soprattutto perché si sono sforzati di collegare il mondo e la cultura giapponese (mooolto lontani dai nostri) col metaplot fondamentalmente eurocentrico di Sine Requie. L'unica cosa che DAVVERO non ho capito cos'è è il serpente con la testa di donna...quella proprio non l'ho capita...ma mi affascina comunque e credo che sia una scelta dell'autore non averne dato una buona spiegazione.

Hiroshima...anche nel mio Giappone una delle 2 città "atomizzate" era "maledetta a priori" e sarebbe diventata un orrore inavvicinabile a prescindere...solo che nel mio caso era Nagasaki (e le ragioni erano del tutto diverse da quelle che hanno reso l'Hiroshima di Sine Requie una "città senza erba"). In ogni caso mi è piaciuta MOLTO la storia di Hiroshima e dell'unità 731...specialmente il pezzo finale (che giustamente conclude tutto il manuale in maniera profondamente giapponese).

Cosa c'è di diverso rispetto a quello che avevo pensato io? Più o meno tutto il resto, per fortuna! Fondamentalmente penso che gli autori si siano ritrovati di fronte alla scelta di sviluppare il Giappone in 2 maniere alternative: medioevo giapponese (aggiornato con elementi moderni per distinguerlo dal Sanctum Imperium) O un giappone militarizzato e molto tecnologico. Hanno scelto la prima strada perché evidentemente non avevano buone idee per il secondo nessuna che come mi disse una volta il Leo (al comix di due anni fa) non sfociasse in un "Gundam Anno XIII". Per quel che riguarda il totale isolazionismo nipponico trovo che sia comodo perché giustifica molto bene la totale mancanza di contatti descritta finora negli altri manuali e perché i giapponesi sono sempre stati isolazionisti e data l'opportunità di poter tornare ad esserlo non vedo perché non avrebbero dovuto coglierla. L'Imperatore? Beh, penso che non dire nulla della sua sorte sia stata una scelta molto "politically correct", specialmente considerata l'importanza che l'istituzione imperiale rappresenta per i giapponesi tuttora. In ogni caso hanno lasciato ai cartomanti il diritto di scegliere la versione preferita sul Trono di Crisantemo.

Nell'insieme l'ambientazione mi è piaciuta tantissimo perché si presta a sviluppi veramente originali e perché vi si realizza una simbiosi tra vivi e morti intelligenti che francamente ritengo estremamente sensata in un mondo del genere, ma probabilmente realizzabile solo per un popolo come i giapponesi che hanno sempre dimostrato una capacità di anteporre la collettività agli interessi personali superiore rispetto a molti altri popoli.

Devo dire, infine che rispetto a USA, non ho sentito la mancanza della cartina...in fin dei conti si parla di villaggi sparsi sul territorio di tutte e 4 le isole maggiori giapponesi, quindi con una normalissima carta del Giappone si può risolvere tutto. In USA ho trovato la cosa più "fastidiosa" perché non sono chiari i confini degli Stati Confederati o dei territori controllati da New Orleans, e sono del tutto ignote le posizioni delle città degli Stati Uniti d'America (Hope, Life e la città portuale disabitata di cui non ricordo il nome), che però suppongo essere relativamente vicine tra loro, dato che vengono effettuati viaggi tra una città e l'altra con sconquassatissimi autobus.


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 04 nov 2014, 23:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 12 nov 2005, 18:42
Messaggi: 2496
Località: Firenze, Pisa, Livorno...
il perchè della battuta su "non abbiamo mai scritto Giappone" è riferito all'ultimo disclamer di pagina 3... nella baraonda di Lucca ti abbiamo dato mezza spiegazione, scusa, ahahahahahahhaha!

Il serpente con la testa di donna si riferisce al racconto di pagina 50, riferito a una delle forme della Nure Onna

:-)

_________________
non è vero che morirete - disse il serpente


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 05 nov 2014, 10:22 
Non connesso

Iscritto il: 06 apr 2012, 12:45
Messaggi: 143
Letto adesso il disclaimer...dal momento che ho un dardo nel collo sarà il caso che mi sbrighi a scrivere il resto del post!

Per quello che riguarda Nure Onna, sì, avevo intuito che il serpente faccia di donna fosse lei (ed è citata anche in un miniraccontino più avanti). Quello che non mi è chiaro è "cosa sia" se si tratti di una Presenza (con grado di realtà 5+) o di un morto ottenuto in qualche maniera strana (stile Cheope). Penso non si tratti di un morto perché nel racconto si è mangiato i cani dei nipponici ma non i nipponici stessi. Forse una donna che ha estratto il biglietto fortunato quando ha attraversato una finestrina rossa? Immagino che anche in questo caso abbiate preferito lasciare che fossero i cartomanti a decidere la verità su Nure Onna serpente...comunque ci tengo a precisare che non l'ho trovata "incongruente", semplicemente mi ha incuriosito parecchio perché "strana" (mentre c'è una spiegazione chiara e tonda sulla forma attuale di Cheope, non vi è su di lei e il ché ne alimenta il mistero dal mio punto di vista).


Top 
 Profilo  
 
 Messaggio Inviato: 05 nov 2014, 10:38 
Non connesso

Iscritto il: 18 apr 2011, 11:49
Messaggi: 296
Domanda flash: sbaglio o non sono state inserite regole particolari per il Risveglio? Perché in Terre Perdute nel capitolo sulla Gran Bretagna c'è la "nuova tabella" da usare quanto un PG muore, e in cui Feroces e Feri sono più probabili.
Stavolta no?


Top 
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 56 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Indice » Sine Requie Anno XIII » Prodotti editoriali


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 2 ospiti

 
 

 
Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Protected by Anti-Spam ACP
cron
Asterion Press s.r.l. - Via Manzotti 7 - 42015 Correggio (RE) - P.I. 02200000350 - Copyright © 2005 - 2013 .: Asterion Press :. - Contatti